Perché aderire

ComuniCiclabili premia gli sforzi di quelle amministrazioni che coraggiosamente mettono in pratica concrete politiche per la mobilità in bicicletta, perché una città a misura di bicicletta è prima di tutto una città per le persone. ComuniCiclabili FIAB attesta il grado di ciclabilità dei comuni, vale a dire quell’insieme di infrastrutture e azioni che li rendono adatti ad essere vissuti e visitati in bicicletta, un strumento utile ai cittadini e ai turisti. Questi ultimi hanno sempre più necessità di uno strumento autorevole che permetta di confrontare, con criteri omogenei, quanto una località sia realmente a misura di bicicletta.

Chi siamo

FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, è la più grande associazione ciclo-ambientalista italiana, conta oltre 160 associazioni aderenti su tutto il territorio nazionale grazie all’impegno dei quasi 20.000 soci attivisti. Nella sua storia trentennale FIAB ha saputo elevare il tema della mobilità in bicicletta, per turismo e per la mobilità quotidiana, da argomento di nicchia a tema oggi centrale nel dibattito nazionale, ottenendo nel tempo anche successi concreti grazie alla propria azione presso le istituzioni nazionali e locali (leggi, trasporto bici sui treni, riconoscimento INAIL dell’infortunio in itinere anche per chi va al lavoro in bicicletta ecc.). Per saperne di più visita il sito FIAB.

Come aderire

Ogni comune che abbia concreto interesse a sviluppare la mobilità in bicicletta e voglia promuovere questa sua attitudine può chiedere di aderire a Comuni Ciclabili. Occorre accedere alla sezione Iscritivi e seguire le istruzioni coadiuvati anche dallo specifico manuale. Se il comune risulterà avere i requisiti minimi potrà far parte di ComuniCiclabili, fregiarsi del relativo marchio ed esibire la bandiera che gli verrà consegnata. In base alla somma delle infrastrutture e delle azioni di ciascun comune a favore della mobilità in bicicletta verranno assegnati dei punteggi sintetizzati nel un numero di “biciclette” riportate sulla bandiera, variabili da un minimo di uno a un massimo di cinque per i comuni più virtuosi.

Desideri saperne di più?

Leggi la nostra presentazione e se hai dubbi non esitare a contattarci.

Le News di ComuniCiclabili

“L’auto elettrica e la necessità della città”: la posizione Fiab

Non inquinano, o meglio, dovrebbero inquinare molto meno rispetto alle colleghe. Sono le auto elettriche, il nuovo obiettivo “sostenibile” ch

Centri storici che riaprono alle auto: le critiche di Fiab alla “sperimentazione” di Udine

A Udine passi indietro sulla mobilità urbana, dopo che la nuova giunta ha approvato una sperimentazione per riaprire il centro storico alle auto

Gli architetti (ri)scoprono la mobilità ciclistica

di Raffaele Di Marcello Nella tre giorni del VIII Congresso Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori, tenutas

Dicono di noi!!!

Riaprono le adesioni alla rete ComuniCiclabili. Il comunicato FIAB e la rassegna stampa http://www.fiab-onlus.it/bici/attivita/campagne-ed-