Archivio mensile Settembre 2021

Novellara conquista la bandiera di ’Comune ciclabile’

Novellara è ufficialmente un ’Comune ciciblabile’. Il sindaco Elena Carletti ha ricevuto martedì 21 settembre la specifica bandiera, all’interno delle iniziative promosse nella settimana europea della sostenibilità, in un progetto di Fiab-comuni ciclabili, che coinvolge 151 città in tutta Italia. Si tratta di momenti formativi d’alto livello sulle tematiche della ciclabilità e di importanti occasioni di interscambio e condivisione di esperienze con gli altri comuni della rete.

Loano ottiene per la quarta volta il riconoscimento di “Comune Ciclabile” e lancia il progetto Bicibus

Si è tenuta lunedì 20 settembre nella sede di Regione Liguria la cerimonia di consegna della bandiera che la Fiab (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta) assegna ogni anno ai “Comuni Ciclabili”.

Nel 2021 Loano ha ottenuto tale riconoscimento per il quarto anno consecutivo per aver messo in pratica politiche per l’incentivazione della mobilità in bicicletta, perché “una città a misura di bicicletta è prima di tutto una città per le persone”. A ritirare il premio dalle mani dei rappresentanti di Fiab per il nordovest e per la Liguria, c’era il comandante della polizia locale loanese Gianluigi Soro.

Nato nel 2017, il progetto “Comuni Ciclabili” Fiab valuta il grado di ciclabilità dei comuni, vale a dire quell’insieme di infrastrutture e azioni che li rendono adatti ad essere vissuti e visitati in bicicletta, un strumento utile ai cittadini e ai turisti. Questi ultimi hanno sempre più necessità di uno strumento autorevole che permetta di confrontare, con criteri omogenei, quanto una località sia realmente a misura di bicicletta. Obiettivo principale dell’iniziativa “Comuni Ciclabili”, dunque, è quello di sostenere e accompagnare le amministrazioni locali nelle loro politiche bike-friendly e nell’impegno per lo sviluppo di una mobilità sostenibile.

La quarta edizione di ComuniCiclabili si è chiusa con un network che conta ormai più di 150 città in tutta Italia. Non soltanto i piccoli centri, che hanno attuato pratiche virtuose e di livello europeo, ma anche decine di capoluoghi e le più grandi realtà come Milano, Roma, Torino, Bologna e Firenze. Con questa iniziativa Fiab vuole stimolare lo sviluppo di politiche ciclabili da parte delle amministrazioni.

Mira, Fiab consegna la bandiera di Comune ciclabile

Mira è Comune ciclabile con il riconoscimento di due Bike smile. Domenica 19 settembre, in occasione della manifestazione “Biciclettata in laguna”, che ha visto molti ciclisti raggiungere la località di Giare in sella alle proprie due ruote, nell’ambito degli eventi promossi dalla Consulta della cultura, Fiab – Federazione italiana Ambiente e Bicicletta – ha consegnato nei pressi del municipio la bandiera gialla di Comune ciclabile, passata dalle mani della presidente e vicepresidente dell’associazione, Morena Pavan e Silvana Zanon, a quelle dell’assessore alla Mobilità Maurizio Barberini.

“Quest’Amministrazione comunale – ha dichiarato quest’ultimo – si è molto impegnata per rendere il nostro territorio sempre più ciclabile, sviluppando la rete dei percorsi in sicurezza per le bici e raccordando alcuni di quelli già esistenti. Due numeri su tutti: siamo arrivati al traguardo dei primi 30 chilometri di piste ciclabili e abbiamo investito 250 mila euro nell’ultimo biennio. Ringrazio la Fiab per il lavoro che fa da anni, prezioso in termini di segnalazioni e proposte, per rendere Mira ancora più ciclabile e alla portata dei ciclisti”.

“Ringraziamo il Comune per l’impegno riconosciuto con i due Bike smile – ha affermato Zanon per conto di Fiab – Noi siamo a disposizione per sostenere i progetti di ulteriore implementazione della rete ciclabile. Lo stesso network dei Comuni ciclabili è un progetto che intende stimolare politiche di incentivazione dell’uso della bici nella vita ordinaria e del cicloturismo. Riteniamo indispensabile aumentare la campagna di educazione e di sensibilizzazione. Anche i controlli sul territorio sono importanti. Inoltre, fare rete tra enti locali, associazioni e cittadini è strategico. In questi mesi abbiamo raccolto 2.651 firme per una città in cui tutti possano muoversi a piedi e in bicicletta, in autonomia, indipendenza e sicurezza”.

Fiab annuncia che anche a Mira, come già avviene in altre città, verrà organizzata il “Conta ciclisti”, il conteggio delle persone che transitano sulle due ruote, nell’arco dell’intera giornata, in alcuni punti strategici della rete stradale locale.

“Ricordiamo – sottolinea l’assessore Barberini – che abbiamo avviato la sperimentazione della chiusura domenicale di un tratto della Bassa. Abbiamo già detto, e ribadiamo, che il sogno è arrivare ad avere in dotazione una pista ciclabile lungo tutta la Riviera del Brenta. Su questo il nostro sindaco, che è anche presidente della Conferenza dei sindaci della stessa Riviera, sta lavorando in prima persona con gli altri primi cittadini. L’auspicio è che la Regione e la Città metropolitana ci aiutino a percorrere sempre di più questa direzione: la ciclabilità è importante nel quotidiano, ma anche per sostenere un turismo più lento, a contatto con la natura straordinaria di questi nostri luoghi, che può diventare un elemento importante per il sistema di accoglienza e ricettivo e di supporto all’economia locale”.

Al via i lavori della V Conferenza Nazionale ANCI sulla Mobilità Sostenibile.

L’associazione nazionale dei Comuni Italiani, partner di FIAB nel network ComuniCiclabili, dà il via ai lavori della quinta Conferenza nazionale sulla mobilità sostenibile. Primo incontro il 24 settembre. Il 27 settembre si parlerà di mobilità ciclistica, presente il presidente FIAB Alessandro Tursi.

di Raffaele Di Marcello

Nell’ambito delle azioni promosse dal ministero della Transizione Ecologica a favore della mobilità sostenibile, l’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani – organizza, dal 24 al 30 settembre prossimi, la Quinta Conferenza Nazionale sulla Mobilità Sostenibile.

L’evento sarà strutturato e suddiviso in un ciclo di cinque momenti dedicati, il principale dei quali si terrà nella giornata inaugurale del 24 settembre (scarica il programma qui il link per iscriversi) in modalità webinar (qui i link per iscriversi a tutti gli eventi online) .

A seguito dell’emergenza Covid-19 – si legge sul sito web dell’ANCI – la mobilità urbana ha incrementato la sua forte caratterizzazione di settore determinante per le nostre città. Elemento di forte impatto nella quotidianità della comunità e vivace condizionamento all’azione ed efficienza amministrativa dei Comuni o delle Città metropolitane, essa, in questo particolare momento, è divenuta cruciale in tutte le sue diverse declinazioni. Con la crisi sanitaria sullo sfondo, il 2020 e il 2021 hanno visto e stanno vivendo molte novità ed accelerazioni nell’intera filiera della mobilità, sia sul piano normativo, sia per quanto attiene allo sviluppo di iniziative ed opportunità per gli enti locali. Ciò richiede un approfondimento comune e riflessioni condivise, a partire dalla sfida del Piano di Ripresa e Resilienza.

L’evento principale della Conferenza (venerdi 24 settembre) – dal titolo “Mobilità integrata, resiliente e smart” – è dedicato alla rivoluzione che sta vivendo il tema della mobilità, con una particolare attenzione alla riforma del trasporto pubblico locale e alla necessaria e intelligente integrazione di offerta pubblica, collettiva e privata, come alternativa all’utilizzo nuovamente crescente dell’automobile privata, alla multimodalità, alla digitalizzazione e al mobility management.

I successivi appuntamenti saranno l’occasione per approfondire e discutere della nuova mobilità ciclistica (martedi 27 settembre), della micromobilità (mercoledi 28 settembre), del trasporto scolastico (giovedi 29 settembre) e della pianificazione come elemento centrale delle nuove forme di mobilità (venerdi 30 settembre).

In particolare martedi 27 settembre, dalle ore 10.30 alle ore 12.30, all’interno del webinar sul tema La nuova mobilità ciclabile: sicura, sostenibile, semplice interverrà il presidente FIAB, Alessandro Tursi, in una tavola rotonda, coordinata da Giada Maio di ANCI e Alberto Marescotti del Comune di Padova, insieme a Tiziana Benassi (Comune di Padova), Giusy Lombardi (DG CLEA Ministero della Transizione Ecologica), Riccardo Capecchi (STM Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili), Stefania Zampino (Presidente AIIT), Maria La Pietra (Comune di Torino) e Matteo Dondè (Urbanista).

 

Mobilità sostenibile, consegna ufficiale della bandiera Fiab alla città

Si è tenuta questa mattina nella Loggia del Capitaniato la cerimonia ufficiale di consegna della bandiera gialla Fiab-Comuni Ciclabili 2021 a Vicenza.

Per il quarto anno consecutivo il Comune capoluogo rientra tra le città italiane (sono 150) che hanno ottenuto il riconoscimento della Federazione italiana ambiente e bicicletta (Fiab) che valuta e attesta il grado di ciclabilità dei comuni italiani, accompagnandoli in un percorso virtuoso verso politiche bike friendly.

A Vicenza è stato assegnato il punteggio (che varia tra 1 e 5) di 4 “bike-smile”.

Sono stati premiati “l’avanzamento dell’iter del Pums (Piano urbano della mobilità sostenibile), l’espansione in corso delle infrastrutture urbane grazie a 5 chilometri di ciclopedonale in fase di progettazione esecutiva, il tasso di motorizzazione in linea con la media nazionale”.

Insieme con il Comune capoluogo, rappresentato dal vicesindaco e assessore alla mobilità Matteo Celebron, c’erano anche Stefano Lain e Renzo Lotto, rispettivamente sindaco e consigliere comunale di Grisignano di Zocco; Andrea Castiello, assessore ai lavori pubblici e sport di Lonigo; Veronica dalla Pria, vicesindaco di Sarego; Alessandro Maculan, assessore alle politiche ambientali di Schio; Ester Peruffo, assessore ai trasporti, comunicazione e politiche giovanili di Valdagno.

“Il mio grazie a nome dell’amministrazione comunale va a Fiab e ai rappresentanti dei Comuni presenti – ha dichiarato il vicesindaco con delega alla mobilità Matteo Celebron –. Il tema della ciclabilità richiede un giusto equilibrio tra le esigenze dei cittadini e le soluzioni positive che possono arrivare dalle politiche di mobilità. Oltre che sulle infrastrutture, sulle quali stiamo lavorando da inizio mandato, è necessario cambiare prospettiva così da creare una vera cultura della bicicletta e incentivare la ciclabilità anche negli spostamenti quotidiani. Stiamo portando avanti il progetto casa lavoro sia per il Comune che per le aziende private, abbiamo lavorato con le scuole per formare i mobility manager all’interno degli istituti scolastici e gestire meglio i tragitti casa-scuola, abbiamo dato il via al bike sharing e molto altro. Sono convinto che la sinergia tra Comuni della provincia e Fiab potrà portare a risultati molto buoni nello sviluppo della cultura della bici e di una mobilità sempre più sostenibile”.

L’iniziativa rientra nell’ambito degli appuntamenti della settimana europea della mobilità sostenibile, in programma fino al 22 settembre e promossa dalla Commissione Europea per fare il punto sulle attuali sfide dei trasporti e progredire verso una mobilità più sostenibile per l’Europa.

La consegna virtuale alla città di Vicenza della bandiera gialla di Fiab-ComuniCiclabili si era tenuta lo scorso 16 luglio.

Treviso, Mogliano Veneto e Breda di Piave Comuni Ciclabili d’Italia, insigniti della bandiera gialla FIAB

Ci sono anche Treviso, Mogliano Veneto  e Breda di Piave, tra i comuni che hanno ricevuto dalla Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta la bandiera gialla della ciclabilità italiana per il 2021.

Una rete, quella dei Comuni Ciclabili, che comprende ben 151 città sparse in giro per l’Italia, da piccoli paesi a realtà più grandi fino ai capoluoghi di provincia e di regione; territori, che nel complesso rappresentano oltre il 18% della popolazione italiana, ovvero 11 milioni di abitanti, accomunati dalla volontà di perseguire lo sviluppo di una mobilità sempre più sostenibile.

Venerdi 17 settembre, proprio nella Settimana Europea della Mobilità, si è tenuta la breve cerimonia di consegna delle bandiere da parte del presidente della FIAB Treviso APS Amici della Bicicletta, Susanna Maggioni, presso la Sala Arazzi di Ca’ Sugana.

L’assegnazione della bandiera gialla con il simbolo dei “bike smile” non è da intendersi come un premio, ma un processo di valutazione ed incoraggiamento a proseguire lungo un percorso virtuoso, verso una mobilità sempre più sostenibile e attiva, nello spirito della vocazione del territorio trevigiano, che invita senz’altro a goderne appieno la bellezza, la cultura e le specialità enogastronomiche, nonché per incentivare uno stile di vita attivo e sostenibile oltre che sano.

Ecco perché i comuni premiati non dovranno adagiarsi sugli allori, ma cogliere le opportunità di formazione d’alto livello ed iniziative offerte da FIAB e interscambio e condivisione di esperienze con gli altri Comuni Ciclabili italiani per favorire politiche sempre più orientate alla mobilità sostenibile, per rendere le città e cittadine sempre più a misura d’uomo.

Consegnata a Pisa la bandiera gialla di Comuni Ciclabili edizione 2021

La mobilità sostenibile si conferma uno dei temi di punta delle azioni di Palazzo Gambacorti: per il secondo anno consecutivo il Comune di Pisa si guadagna 4 ‘bike smile’ dalla sezione locale di Fiab, la Federazione italiana degli amanti della bicicletta. “Un risultato importante, che certifica gli sforzi compiuti dalla Giunta su questo aspetto – commenta con soddisfazione il sindaco Michele Conti – allo stesso tempo, la bandiera ricevuta da Fiab ci stimola a impegnarci ulteriormente. Vogliamo rendere il territorio comunale sempre più a misura delle due ruote”. A consegnare la bandiera gialla, simbolo dei 4 ‘smile’, la presidente di Fiab Pisa Eleonora Rossi insieme a Rosanna Betti.

“Ogni anno ci impegniamo a valutare le azioni del Comune sul tema della mobilità sostenibile – spiega Rossi – con particolare attenzione alla comunicazione e alla sicurezza legata agli interventi. La conferma dei 4 ‘smile’ già riconosciuti nel 2020 certifica il buon operato di Palazzo Gambacorti, anche se permangono diverse criticità che devono essere messe sotto la lente d’ingrandimento”. Una di queste è la sicurezza dei tratti ciclopedonali all’interno del tessuto urbano, “con particolare risonanza dei lungarni” sottolinea Leonora Rossi. “Poi c’è l’aspetto dell’introduzione delle strade scolastiche in prossimità degli istituti – prosegue la presidente di Fiab Pisa – questa novità consentirebbe un accesso più sicuro anche per gli studenti e i genitori che accompagnano i figli a scuola in sella alla bici”.

Infine c’è la proposta di introdurre il senso unico per tutti i veicoli a motore all’interno dell’intera Ztl: “Con questa modifica – afferma Rossi – le biciclette potrebbero transitare senza limitazioni e in totale sicurezza. I veicoli circolerebbero a velocità molto ridotta, abbassando di conseguenza i pericoli per ciclisti e pedoni”. Un suggerimento che il sindaco Conti e l’assessore alla Mobilità Massimo Dringoli incassano e aggiungono al dossier presentato da Fiab Pisa, nel quale è sottolineata anche la proposta di prolungare la pista ciclabile a San Piero a Grado, così da collegare la zona del cimitero comunale con la Ciclopista del Trammino.

“E’ un’opera strategica molto importante, che proveremo a inserire nel Piano delle opere pubbliche del 2022 – conferma Michele Conti – sarebbe l’occasione giusta per potenziare anche i collegamenti con la stazione di noleggio delle bici a pedalata assistita, inaugurata in quella zona all’inizio del mese di settembre. Gli altri interventi che rientrano nei prossimi progetti per la mobilità sostenibile urbana riguardano le zone di San Rossore e Pisanova. Nel primo caso i lavori riguarderanno il viale delle Cascine. Per Pisanova, invece, andremo a ricucire i due tronconi del quartiere separati dalle strade a grande scorrimento. Costruiremo un collegamento ciclopedonale che si collegherà nella zona di San Biagio: dobbiamo valutare se realizzare un sottopasso o una passerella sopraelevata“.

ComuniCiclabili, al via la quinta edizione. Tutte le novità (comunicazione compresa)

 

Sono aperte le candidature per la quinta edizione di ComuniCiclabili, iniziativa con cui da anni la Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta valuta la ciclabilità a tutto tondo delle amministrazioni locali. Non si tratta di un premio, ma di un’analisi oggettiva dello stato attuale (sintetizzato nelle pagelle per i 6 ambiti, e nella valutazione complessiva che va da 1 a 5 bike smile) di una città vista sotto i molteplici aspetti che hanno a che fare con la bicicletta. Dalle infrastrutture fino alla comunicazione istituzionale, che sempre di più è chiamata a compiere scelte coerenti a favore della mobilità sostenibile, senza strizzare l’occhio al settore motoristico.

La quarta edizione di ComuniCiclabili si è chiusa con un network che conta ormai più di 150 città in tutta Italia. Non soltanto i piccoli centri, che hanno attuato pratiche virtuose e di livello europeo, ma anche decine di capoluoghi e le più grandi realtà come Milano, Roma, Torino, Bologna e Firenze. Con questa iniziativa FIAB vuole stimolare lo sviluppo di politiche ciclabili da parte delle amministrazioni.

ComuniCiclabili: le novità

Tra le novità della quinta edizione di ComuniCiclabili FIAB, quest’anno la scheda di valutazione include ulteriori innovazioni, presenti nel Decreto Semplificazioni, come il doppio senso ciclabile e strade ciclabili urbane E-bis; saranno anche da contemplare le strade rese F-bis “itinerari ciclopedonali”, che hanno una grande potenzialità in ottica di pendolarismo e cicloturismo.

«Coinvolgere e indirizzare in modo propositivo i comuni è fondamentale per il buon esito della transizione virtuosa delle nostre città – ha dichiarato Alessandro Tursi, Presidente FIAB -, e ComuniCiclabili è lo strumento adatto. FIAB si pone al fianco delle amministrazioni volenterose per fornire tutta la propria competenza ed esperienza trentennale. Da oggi anche con un percorso formativo della Scuola dei ComuniCiclabili dedicato ai tecnici degli enti locali. A tal fine abbiamo appena sottoscritto un accordo tra FIAB e UNITEL-Unione dei Tecnici degli Enti Locali, poiché essi sono le figure chiave affinché le nuove importanti risorse, a cominciare da quelle del PNRR, vengano utilizzate nel modo migliore con progetti validi e efficaci».

Il punto comunicazione: occorre coerenza

Sono quattro gli indicatori che FIAB considera per raggiungere una valutazione complessiva in bike smile di ComuniCiclabili: cicloturismo, mobilità urbana, governance e comunicazione-promozione. Nella nuova edizione la Federazione ha scelto di aggiornare proprio quest’ultima sezione. Per dare un segnale a sindaci e assessori è stata fatta una scelta chiara: verrà infatti tenuto conto, ma con punteggio a detrarre di segno meno, anche degli eventi motoristici di vario genere  (auto e moto, a combustione o elettriche) dell’ultimo anno, che dunque peseranno nella valutazione finale del comune. La transizione ecologica deve necessariamente partire da un cambio di paradigma culturale, soprattutto in un paese come il nostro, congestionato e penalizzato da un tasso di motorizzazione tra i più elevati e insostenibili al mondo.

Aperte le adesioni

Accedi o iscriviti cliccando su “Area Riservata”

Ravenna riceve la bandiera gialla dei ‘Comuni ciclabili’: ma perde un ‘bike smile’

E’ stata consegnata venerdì 10 settembre la bandiera gialla della ciclabilità italiana al Comune di Ravenna per Comuni Ciclabili 2021, quarta edizione dall’avvio del progetto della Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta ideato per supportare i comuni nello sviluppo della mobilità sostenibile valutandoli con criteri oggettivi e misurabili. La cerimonia pubblica si è svolta lungo la nuova ciclabile del lungomare di Milano Marittima, alla presenza del dell’Assessore Edilizia, Urbanistica, lavori pubblici e mobilità ciclabile del Comune di Cervia Enrico Mazzolani e del Coordinatore Regionale di Fiab Emilia-Romagna Nevio Senni.

Per Ravenna, che è al suo terzo anno di partecipazione, è una conferma ma in lieve ribasso rispetto alle edizioni precedenti, in quanto la città passa da 5 a 4 “bike smile”. Gli indicatori che vengono presi in considerazione da Fiab Italia sono quattro: Cicloturismo, Mobilità Urbana, Governance e Comunicazione e Promozione. L’attestazione di Comune Ciclabile rilasciata da Fiab è affiancata da un punteggio che va da 1 (il minimo) a 5 (il massimo), espresso in ”bike smile” sulla bandiera gialla che è ormai simbolo di Comuni Ciclabili.

In particolare, Ravenna sconta una perdita di efficacia nell’indicatore Comunicazione e Promozione. E’ infatti molto importante sensibilizzare la cittadinanza sul tema della mobilità sostenibile e, in particolare, avvicinarla al mondo della bicicletta con iniziative di animazione e promozione, rivolte alle famiglie, ai bambini, ai lavoratori e ad altri soggetti economici. Per far questo, i Comuni possono aderire agli eventi Fiab organizzati e promossi a livello nazionale per rendere più “ciclabili” i comuni, ma soprattutto è importante l’azione informativa dei Comuni stessi sia on line che sul territorio per divulgare la presenza di servizi e percorsi dedicati alle due ruote.

Fonte: www.ravennatoday.it