Il 2017 è stato l’anno della mobilità attiva. In Italia il 76% vorrebbe più investimenti sulla bici

Il 2017 è stato l’anno della mobilità attiva. In Italia il 76% vorrebbe più investimenti sulla bici

Tratto dal sito www.fiab-onlus.it

L’Italia resta il Paese dove nel 2017 circolavano 64 automobili ogni 100 abitanti come ha rilevato il 15esimo rapporto ISFORT sulla mobilità. Qualcosa però sembra cambiare nelle strade e nella predisposizione delle persone a nuovi modelli di trasporto alternativi alle quattro ruote. L’anno della mobilità attiva è stato proprio il 2017 secondo la ricerca dell’Istituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti: la quota dei tragitti a piedi, in bici e sui mezzi pubblici è salita dal 27,6% al 37,9%. Dato positivo anche per la Federazione Italiana Amici della Bicicletta che in Italia e in Europa – con il vicepresidente di ECF Alessandro Tursi – sostiene soluzioni come la “Dieta del traffico” basata sulla valorizzazione degli spostamenti meno inquinanti e più rispettosi dello spazio pubblico.

 

Dal 15esimo rapporto ISFORT emergono poi altre cifre interessanti sulla mobilità attiva e sulla sua componente ciclistica. Per la prima volta, infatti, i movimenti su due ruote hanno scollinato il 5% (5,2%) degli spostamenti totali e tra gli intervistati che rispondevano sì alla domanda se quelle proposte dall’Istituto fossero mezzi di trasporto alternativi all’auto da incentivare, il 76% ha individuato la bicicletta e l’85% il trasporto pubblico. Come ha spiegato la presidente Fiab Giulietta Pagliaccio, l’Italia in bicicletta ha fatto diversi miglioramenti: il bike sharing, ad esempio, è un servizio cittadino che il 61% degli intervistati del rapporto ISFORT vorrebbe potenziato con investimenti.

 

Il proverbiale bicchiere resta però mezzo vuoto se si guardano i numeri del parco auto italiano. Nel 2017 il “garage nazionale” contava 38,5 milioni di veicoli che inquinano e ingombrano le nostre città. Da qui la provocazione Fiab: far pagare in base a quanto si inquina e a quanto spazio si occupa. «È compito della politica far sì che la voglia di bicicletta si traduca in più ciclisti sulle strade e sulle ciclabili». Quanto detto dalla Presidente Fiab permette di commentare un altro dato del 15esimo rapporto ISFORT, ovvero quello sulla disponibilità degli intervistati a cambiare mezzo di trasporto. Se nel 2015 chi si dichiarava propenso a pedalare di più era il 28,9%, lo scorso anno questo desiderio bike friendly veniva espresso dal 38,8% degli intervistati. Recenti dati suggeriscono che anche un’Italia più ciclabile potrebbe favorire lo sviluppo economico dei commercianti e dei centri storici. Intanto però il Governo sembra puntare poco sulla mobilità attiva, mentre in Europa questo concetto è stato ormai accolto dalla politica.

Info sull'autore

staff administrator

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.